Cerca
Cerca
Top 10 rimedi omeopatici derivati ​​dal cibo

Top 10 rimedi omeopatici derivati ​​dal cibo

I rimedi omeopatici possono essere derivati ​​da quasi ovunque, anche dal cibo che mangi. Le piante costituiscono circa il 60% della Materia Medica omeopatica e alcune di queste provengono da fonti alimentari.

La categoria vegetale comprende erbe, alberi e persino piante velenose. Tuttavia, viene utilizzato anche il cibo del tuo piatto. Questo articolo esplora una varietà di cibi che probabilmente troverai in cucina, che fungono anche da rimedi omeopatici.

10 alimenti salutari trasformati in rimedi omeopatici

Ippocrate era in anticipo sui tempi quando disse: “Lascia che sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”. In altre parole, “il cibo è medicina”. Per migliaia di anni, i sistemi tradizionali di guarigione hanno visto il cibo come medicina, e un strumento prezioso per proteggere la tua salute e trattare varie condizioni di salute.

Una dieta curativa con cibi medicinali ridurrà e controllerà l’infiammazione, equilibrerà gli ormoni e lo zucchero nel sangue e alcalinizzerà il corpo in generale. Migliora anche l’assorbimento dei nutrienti e disintossica ed elimina le tossine. Verdure fresche e crude, cibi probiotici, cibi ricchi di fibre, cibi ad alto contenuto di antiossidanti, grassi sani e omega-3 sono alcuni dei migliori esempi di alimenti che fanno parte di una dieta medicinale.

Anche il cibo gioca un ruolo importante nel mondo dell’omeopatia. È qui che alcuni cibi vengono tritati finemente e immersi in alcool, quindi scossi ripetutamente prima di essere filtrati, diluiti e succussati. Il risultato finale è un rimedio omeopatico.

Esaminiamo 10 dei rimedi omeopatici più comuni prodotti da alimenti che guariscono e i benefici per la salute che ne derivano.

1. Allium Cepa (cipolla rossa)

Il rimedio omeopatico derivato dal cibo più noto è chiamato Allium cepa e proviene dalla cipolla rossa. La cipolla è una delle più antiche piante coltivate e nell’antica Grecia veniva consumata in grandi quantità.

Nel Medioevo, si pensava che il forte odore della cipolla prevenisse l’infezione, e fu persino appeso fuori dalle case per scongiurare la peste. Oggi le cipolle possono prevenire il raffreddore e l’influenza.

Come rimedio omeopatico, le persone che rispondono bene a Allium cepa sperimenteranno ansia, ottusità e malinconia. Il rimedio omeopatico è principalmente usato per la tosse e il raffreddore caratterizzati da catarro abbondante e acquoso che lascia la pelle dolorante e irritata. Non sorprende, la persona che beneficia maggiormente di Allium cepa spesso brama le cipolle.

2. Allium Sativum (aglio)

L’aglio appartiene alla famiglia delle cipolle, che comprende anche l’erba cipollina, il porro e lo scalogno. L’aglio è uno dei cibi più antichi che fu usato dai babilonesi già nel 3000 a.C.

L’aglio è intensamente saporito e aromatico ed è utilizzato in quasi tutte le cucine del mondo. Medicinale, l’aglio è apprezzato per le sue proprietà antibiotiche, antivirali e antitumorali.

L’aglio omeopatico è la cosa migliore per individui ipersensibili e timorosi. La persona è spesso incline a problemi di catarro e indigestione causati da una dieta ricca o da un improvviso cambiamento nella dieta. Inoltre è usato per i dolori strappanti nell’area dell’addome e dell’anca.

3. Petroselinum (prezzemolo)

Il prezzemolo (Petroselinum crispum o Petroselinum sativum) è un’erba fresca ricca di nutrienti benefici, in particolare vitamina C e vitamina K. È un alimento antitumorale e una pianta chemioprotettiva che protegge il danno al DNA. Il prezzemolo migliora anche la digestione e ha proprietà antifungine e antibatteriche.

In cucina, il prezzemolo si sposa bene con riso, patate, manzo nutrito con erba e quasi tutti gli ortaggi. Viene anche usato per fare il pesto, la salsa e un tradizionale piatto del Medio Oriente chiamato tabbouleh.

Il prezzemolo omeopatico è noto come petroselina. L’omeopatia ha riscontrato che il dott. Samuel Hahnemann si riferiva a Petroselinum come rimedio per la gonorrea. È anche noto per problemi urinari e della vescica come l’incontinenza.

La persona che ha bisogno di Petroselinum ha spesso fame e sete, ma quel desiderio finisce dopo che iniziano a bere o mangiare. Altri sintomi possono includere cecità notturna, febbre e cistite. La persona può anche addormentarsi tardi, e hanno diversi sogni ansiosi.

4. Avena Sativa (Avena)

L’avena è spesso considerata una delle prime colazioni più sane che ci sia. Fanno parte di una dieta ricca di fibre che aiuta a ridurre il colesterolo, migliorare la digestione e aumentare l’immunità fornendo al contempo una fonte di proteine ​​di qualità per il corpo.

Avena sativa è la versione omeopatica che viene utilizzata per le persone soggette a esaurimento fisico e mentale. La persona tende ad essere nervosa o anziana.

Il rimedio è utilizzato anche per l’insonnia cronica, grande debolezza, scarsa concentrazione, ansia, palpitazioni e esaurimento nervoso. Viene anche usato per una bassa libido o impotenza maschile che è probabilmente associata ad un’eccessiva attività sessuale.

L’avena omeopatica viene anche utilizzata per problemi di tossicodipendenza. Questo include sostanze come eroina, morfina, cocaina, oppio, alcol, caffè, marijuana, tranquillanti, sedativi, tabacco e antidepressivi come il Prozac.

5. Fucus Vesisculosus (Sea Kelp)

Le verdure di mare sono state una prelibatezza nutriente in Cina e Giappone per migliaia di anni. È considerata una delle migliori fonti di iodio minerale, essenziale per una sana funzione tiroidea.

Kelp è un popolare ortaggio marino dal marrone chiaro al verde scuro. Una proteina trovata nella maggior parte del fuco chiamato fucoxantina è stata trovata per ridurre significativamente il tessuto grasso. Kelp può anche prevenire o curare il diabete, rallentare la crescita di alcuni tumori, prevenire la perdita di tessuto osseo e aiutare con alcune patologie legate al sangue.

Il fuco omeopatico si chiama Fucus vescicale ed è un rimedio fondamentale per la perdita di peso. Il rimedio favorisce anche la stimolazione e la produzione di ormoni tiroidei. Perché questo influisce sul metabolismo, porta alla perdita di peso. Fucus è efficace nel trattamento di sintomi e condizioni come mal di testa, indigestione, flatulenza, stitichezza, arteriosclerosi e mestruazioni povere.

6. Capsicum Annuum (pepe di cayenna)

Il pepe di cayenna è spesso usato per aggiungere un po ‘di pepe al pasto. La versione omeopatica si chiama Capsicum annuum. Medicinale, può ridurre l’acidità e stimolare la circolazione del corpo.

Il peperoncino di Cayenna allevia anche l’emicrania, aiuta la digestione, previene i coaguli di sangue, sostiene la disintossicazione e la perdita di peso, stimola il metabolismo, allevia i nervi e le articolazioni, tratta la psoriasi, combatte il raffreddore e previene le allergie. Ha anche proprietà antifungine e antitumorali.

Questo rimedio di perdita di peso è più adatto per la persona pepata che è anche piuttosto pessimista e scontenta. La nostalgia e la nostalgia spesso impediscono loro di vivere pienamente la propria vita. Il capsico è anche usato per la bassa vitalità, forse negli anziani o nelle persone debilitate dalle condizioni della prostata o dall’alcolismo.

7. Anacardium Occidentale (anacardio)

Il nome della pianta del dado dell’anacardio è chiamato Anacardium occidentale. Le noci, in generale, sono tra gli alimenti più salutari a nostra disposizione.

L’anacardio può supportare il funzionamento sano del cervello e migliorare la salute del cuore, la digestione e l’assorbimento dei nutrienti. Gli anacardi contengono importanti nutrienti, tra cui rame, magnesio, fosforo e zinco.

L’anacardio omeopatico, Anacardium occidentale, è l’ideale per le persone a rischio di memoria scarsa che si sentono fisicamente e mentalmente apatici e insensibili. Sono anche soggetti a fobie e nervi d’esame.

Il rimedio viene spesso prescritto per disturbi della pelle e dei muscoli, prurito rosso, vesciche, verruche e ustioni.

8. Chocolatum (cioccolato)

Il cioccolato è il superalimento preferito di tutti quando si trova nelle sue forme pure e sane di cioccolato fondente e pennini di cacao. C’è una buona ragione per cui il cioccolato (Theobroma cacao) viene spesso definito un superalimento.

Il cioccolato fondente ha il potenziale per proteggere dai radicali liberi, prevenire il cancro, migliorare la salute del cuore, promuovere le funzioni cognitive e bilanciare il livello di zucchero nel sangue.

Il cioccolato omeopatico viene spesso prescritto a coloro che non hanno concentrazione e si sentono vulnerabili, ansiosi e impacciati, come se fossero osservati. La persona è incline a temere incidenti d’auto, cani, malattie o essere attaccata.

Il rimedio omeopatico viene utilizzato per la costrizione della testa o del torace, pesantezza degli arti e disturbi nervosi legati a grande goffaggine.

9. Zingiber Officinale (Ginger)

Per migliaia di anni, lo zenzero è stato usato per scopi medicinali e culinari. Può essere juiced ed è un’aggiunta accolta alla cucina indiana.

Lo zenzero è particolarmente utile per alleviare la nausea, l’indigestione e la circolazione stimolante. È un alimento chiave che combatte malattie cardiache e ictus, infezioni fungine e batteriche, problemi di malassorbimento, immunità compromessa, diabete, ulcere e cancro.

Lo zenzero omeopatico viene utilizzato principalmente per disturbi e sintomi digestivi, tra cui dolore addominale, vomito e nausea. Il rimedio è anche usato per l’asma associata all’ansia. La persona tende anche ad essere nervosa e inquieta di notte nonostante sia molto assonnata.

10. Granatum (melograno)

Il melograno (Punica granatum) è un frutto potente antiossidante, soprattutto come succo. Questo liquido naturalmente dolce e rosso proviene dai semi di melograno ed è ricco di nutrienti e benefici per la salute.

I melograni possono trattare tutto da colesterolo alto, ipertensione, infiammazione e iperglicemia. Contengono anche polifenoli che sono risultati efficaci contro il cancro al seno, ai polmoni e alla prostata.

La versione omeopatica del melograno si chiama granatum. Questo rimedio è più adatto per la persona eccessivamente impressionabile che è sensibile e malumore.

È usato per tenie, vertigini, salivazione eccessiva e prurito e solletico del naso e dell’ano. Ci possono anche essere una perdita di appetito, emaciation e fame affamata e desiderio di caffè e cibi succosi e aspri.

Considerazioni finali sugli alimenti curativi e sui rimedi omeopatici

Il cibo è una medicina, quindi non sorprende che alcuni alimenti curativi vengano trasformati anche in rimedi omeopatici. Una dieta sana affronterà le carenze nel corpo, prevenendo e trattando gravi malattie e una serie di malattie.

L’omeopatia può trattare e prevenire numerose condizioni, ma lo fa a livello energetico. L’omeopatia lavora con energia e la sposta da o verso varie parti del corpo di eccesso o carenza.

Suggerisco di chiedere il parere di un qualificato omeopata. Il tuo omeopata ti intervista e recupera sintomi mentali, emotivi e fisici. Saranno quindi in grado di determinare se qualsiasi rimedio omeopatico è il più adatto per te durante l’appuntamento iniziale completo.