Cerca
Cerca
L'aglio è buono per la pressione alta?

L'aglio è buono per la pressione alta?

L’aglio è uno dei supercibi più ricercati e si dice che sia eccellente per tutto, dal cancro alle infezioni e al diabete. Anche l’aglio è buono per l’ipertensione?

L’aglio e le sue varie forme sono stati ampiamente riconosciuti nel trattamento e nella prevenzione delle malattie cardiache. Numerosi studi suggeriscono che l’erba fragrante potrebbe potenzialmente prevenire l’aterosclerosi, ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi, inibire l’aggregazione piastrinica e sì, abbassare la pressione alta.

L’ipertensione arteriosa è anche nota come ipertensione. È uno dei fattori di rischio più importanti associati alle malattie cardiache. La condizione colpisce circa un miliardo di persone in tutto il mondo e circa 75 milioni di adulti americani o uno su tre adulti. Questo include metà della popolazione oltre i 65 anni.

L’ipertensione si verifica quando le pareti delle arterie si restringono o si ispessiscono e ciò pone ulteriore stress al cuore. Dal punto di vista clinico, le letture della pressione sanguigna misurano la pressione sistolica (numero superiore) e diastolica (numero inferiore) sulle pareti dei vasi sanguigni. Il sistolico si riferisce alla quantità di pressione quando il cuore si contrae e la pressione diastolica si verifica tra i battiti del cuore. L’ipertensione di stadio 1 è caratterizzata da una pressione sistolica di 140 mmHg (millimetri di mercurio) e una lettura diastolica di 90 mmHg.

Anche se l’aglio ha molti incredibili benefici per la salute, oggi guarderemo l’effetto dell’aglio sulla pressione sanguigna. Inoltre, analizzeremo i tipi di aglio che è possibile utilizzare e l’aglio necessario per abbassare la pressione alta.

Effetto dell’aglio sulla pressione sanguigna

L’aglio (Allium sativum) è ben noto per la sua composizione chimica e contiene circa 33 importanti composti di zolfo che includono allicina, ajoene, aliina, diallil disolfuro, diallil trisolfuro, vinilditi, S-allilcisteina e S-allilmercaptocisina. L’aglio contiene anche una serie di minerali e vitamine, come vitamina B6, vitamina C, selenio, manganese, ferro, calcio, potassio e rame.

L’effetto antiipertensivo di aglio è associato al suo contenuto di zolfo antiossidante e bioattivo, in particolare allicina e S-allilcisteina.

Diversi studi mostrano l’effetto positivo dell’aglio sulla pressione sanguigna. Uno studio pubblicato sulla rivista Maturitas nel 2010 ha suggerito che l’assunzione giornaliera di quattro capsule di estratto di aglio invecchiato (960 mg) per un periodo di tre mesi causerebbe una riduzione della pressione arteriosa media di 10 punti.

Altre ricerche pubblicate sulla rivista Integrative Blood Pressure Control nel 2014 hanno scoperto che l’estratto di aglio invecchiato potrebbe potenzialmente abbassare la pressione sanguigna nei pazienti ipertesi in modo simile al trattamento standard della pressione arteriosa.

Una revisione sistematica e una meta-analisi pubblicata sulla rivista BMC Cardiovascular Disorders nel 2008 suggerisce che i preparati all’aglio sono più efficaci di un placebo per la riduzione della pressione sanguigna nei pazienti ipertesi.

In alcuni studi, l’aglio in polvere è stato consumato in dosi comprese tra 600 mg e 900 mg al giorno, mentre lo studio medio è durato tra 12 e 23 settimane. Insieme gli studi hanno rivelato che l’aglio ridurrebbe la pressione sanguigna sistolica di una media di 4,6 mmHg. Inoltre, in quelli con ipertensione, in media, la diastolica è stata ridotta di 7,3 mmHg, mentre la sistolica è stata ridotta di 8,4 mmHg.

Sebbene alcuni degli studi durino più di 23 settimane, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se l’effetto dell’aglio sulla pressione sanguigna può durare per lunghi periodi di tempo.

Qual è l’effetto dell’aglio sulla pressione sanguigna? Alcune ricerche suggeriscono che l’aglio abbassa la pressione sanguigna aumentando la dilatazione dei vasi sanguigni e diminuendo la resistenza vascolare periferica attraverso i suoi effetti simili alle prostaglandine. L’aglio contiene anche un composto chiamato adenosina, che è un rilassante muscolare che aiuta con la vasodilatazione.

Altri ritengono che l’effetto antipertensivo dell’aglio possa essere associato alla sua capacità di impedire al sistema digerente di trasformare il grasso in colesterolo.

Tipi di aglio da prendere come rimedio naturale

L’aglio viene consumato in varie forme, tra cui crudo, essiccato e cotto. C’è anche olio d’aglio, succo d’aglio, estratto e integratori di aglio invecchiato. L’aglio deve essere schiacciato, affettato o masticato prima della cottura per garantire che la quantità massima di allicina venga prodotta dall’aglio. In generale, il calore e l’età riducono l’efficacia dell’allicina.

Diamo uno sguardo più approfondito ai vari tipi di aglio che puoi assumere:

1. aglio crudo o essiccato

Mangiare aglio crudo aiuta le persone con la pressione alta. Schiacciare, tagliare o masticare l’aglio crudo rilascia un enzima chiamato alliinasi, che porta alla formazione di allicina. Sia l’aglio secco che quello crudo sono pensati per fornire una persona con il contenuto più allicinico.

2. aglio cotto

L’aglio cotto ha un sapore eccezionale. Detto questo, si pensa che la cottura dell’aglio riduca il potenziale allicinico dell’aglio poiché il calore può ridurre la sua efficacia.

3. Succo d’aglio o olio

Dal momento che alcune persone non riescono a gestire la pungenza dell’aglio, possono vomitare dal forte odore e sapore. Il succo d’aglio potrebbe essere la soluzione.

Per farlo, basta sbucciare ogni 10 o più bulbi d’aglio. Metterli in un robot da cucina e creare una purea d’aglio. Filtrare il composto attraverso una piccola ciotola con un colino o un setaccio a maglie. Versare la purea in un contenitore di vetro e conservare in frigorifero. L’olio d’aglio fatto in casa può essere prodotto estraendo l’olio dagli spicchi d’aglio schiacciati. Puoi cucinare con olio all’aglio o aggiungere un po ‘di bevande o frullati.

4. Estratto o supplementi di aglio

Gli integratori di aglio sono disponibili in varie forme, come compresse, oli, polveri, estratto di aglio invecchiato e allicina pura. Gli integratori di aglio sono considerati migliori di altre forme di aglio poiché contengono elevate quantità di composti attivi. Gli studi suggeriscono che l’estratto di aglio invecchiato è efficace e tollerabile nel trattamento dell’ipertensione incontrollata.

Quanto aglio da adottare per abbassare la pressione sanguigna

Qual è la migliore dose di aglio? La raccomandazione generale per l’aglio fresco è da 2 ga 5 g; Da 2 g a 5 g per olio all’aglio; Da 0,4 g a 1,2 g per polvere di aglio essiccato; 300 mg a 1.000 mg per estratto di aglio; e preparazioni uguali a 2 mg a 5 mg di allicina. Anche l’aglio è conservato al meglio a temperatura ambiente, mentre dovrebbe essere tenuto asciutto per evitare che l’aglio germogli.

In uno studio pubblicato nel Pakistan Journal of Pharmaceutical Sciences nel 2013, i ricercatori hanno somministrato ai pazienti ipertesi un farmaco per la pressione sanguigna, un placebo o vari dosaggi di aglio, inclusi 300 mg, 600 mg, 900 mg, 1.200 mg e 1.500 mg di aglio ogni giorno.

Tutti i dosaggi dell’aglio riducevano la pressione sanguigna e il farmaco per la pressione del sangue. Inoltre, alte dosi di aglio hanno visto una maggiore riduzione della pressione arteriosa con durate più lunghe di trattamento. Una revisione sistematica ha rilevato che la maggior parte degli studi mostrava che l’effetto antipertensivo dell’aglio corrispondeva a dosi da 600 mg a 900 mg di aglio al giorno.

Può anche essere in grado di ridurre la pressione sanguigna con 0,3 g a 1,5 g di aglio crudo fresco o secco su base giornaliera. Poiché la maggior parte degli spicchi d’aglio sono tre grammi, si tratta di circa mezzo spicchio d’aglio ogni giorno. È possibile ridurre ulteriormente la pressione sanguigna con un consumo maggiore.

Precauzioni durante l’assunzione di aglio per la pressione sanguigna

Anche se ci sono molti benefici per la salute associati con l’aglio, ci sono precauzioni che dovrebbero essere prese prima di utilizzare l’aglio per l’ipertensione.

In generale, l’aglio può aumentare i rischi di sanguinamento, dal momento che è un naturale diluente del sangue. Consultare il proprio medico prima di consumare aglio crudo durante l’assunzione di anticoagulanti o un farmaco per la pressione arteriosa con ACE (angiotensina che converte l’enzima). Interrompere l’assunzione di aglio almeno due settimane prima di un intervento chirurgico.

L’uso a lungo termine di estratti di aglio non è raccomandato, dal momento che può causare altri effetti collaterali. Per quelli con problemi gastrointestinali, l’aglio crudo può irritare il tratto gastrointestinale. Mangiare troppo aglio crudo può anche causare una sensazione di bruciore in bocca o allo stomaco, bruciore di stomaco, gas, nausea, alitosi e diarrea. Quelli con ulcere dovrebbero evitare l’aglio crudo. Più aglio consumato aumenterà questi effetti collaterali.

L’aglio crudo può anche causare gravi irritazioni della pelle se usato sulla pelle. L’estratto di aglio non è raccomandato anche per le donne in gravidanza o che allattano; tuttavia, si pensa che l’aglio sia sicuro come cibo. L’aglio non dovrebbe mai essere somministrato ai bambini in grandi dosi.

Consultare il proprio medico o altro operatore sanitario per il dosaggio corretto di estratti di aglio o di aglio per l’ipertensione. Inoltre, parla con il tuo medico prima di consumare l’aglio crudo se stai assumendo farmaci come la ciclosporina, l’isoniazide, le pillole anticoncezionali, i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e l’HIV / AIDS (virus dell’immunodeficienza umana / sindrome da immunodeficienza acquisita ) farmaci.

Dovresti prendere aglio per la pressione alta?

Quindi, l’aglio è buono per l’ipertensione? Alcuni dei più potenti benefici dell’aglio riportati includono il miglioramento della salute dei diabetici, la lotta e la prevenzione del cancro e l’inversione delle malattie cardiache nelle fasi iniziali, mentre è particolarmente dimostrato che riduce l’ipertensione.

L’effetto antiipertensivo dell’aglio è associato al suo contenuto di zolfo antiossidante e bioattivo, in particolare l’S-allilcisteina e l’allicina. Studi e revisioni sistematiche più ampie mostrano che l’estratto di aglio è più efficace di un placebo per ridurre la pressione sanguigna nei pazienti ipertesi.

L’aglio può essere preso come aglio crudo e essiccato, aglio cotto, succo d’aglio, olio all’aglio e integratori di aglio come polveri, compresse, oli e estratto di aglio invecchiato e allicina pura. Consultare il proprio medico prima di assumere qualsiasi supplemento, compresa qualsiasi forma di aglio.