Cerca
Cerca
La gengivite è contagiosa? Chi è a rischio?

La gengivite è contagiosa? Chi è a rischio?

La gengivite è un segnale di avvertimento che la bocca potrebbe essere nei guai. La gengivite è contagiosa? Questo dipende dall’esperto di fiducia che offre il consiglio.

Capire cos’è la gengivite e come può influenzare la tua salute orale può aiutare a rispondere a questa domanda. La buona notizia è che la gengivite può essere curabile e, con un’adeguata cura e gestione, questa malattia gengivale può essere curabile.

La gengivite è una forma della malattia gengivale conosciuta come malattia parodontale. Le gengive possono diventare infiammate, rosse, gonfie e presentare sanguinamento quando spazzolate. La gengivite si riferisce all’irritazione della gengiva, che comprende le membrane mucose e il tessuto fibroso che formano le gengive nella bocca.

Poiché questa zona della bocca corre lungo la base dei denti, i batteri che causano la gengivite possono espandersi nell’osso dei denti se non vengono rimossi con azioni di spazzolamento e filo interdentale.

Il ceppo batterico può danneggiare le gengive e i tessuti per formare tasche tra la linea di gomma e il dente. Ciò consente a batteri, placca e tartaro di depositarsi all’interno di queste tasche. La gengivite può quindi portare a una forma più grave di malattia parodontale, costringendo i denti ad allentarsi e persino a cadere fuori posto.

Oltre alla tenerezza, all’infiammazione e al sanguinamento delle gengive, le gengiviti possono anche presentare alitosi e dolore.

La gengivite è contagiosa?

Ciò dipende dalla fonte, poiché alcuni esperti ritengono che la gengivite sia contratta attraverso una scarsa igiene orale e fattori come la dieta, il fumo, i farmaci e lo stress.

Altri, come l’American Dental Association, offrono la prova che tutti i ceppi batterici della gengivite possono essere contagiosi e diffondersi attraverso la saliva. Può essere trasmesso baciando, usando in comune utensili e tazze, oppure tramite il contatto diretto con la saliva contenente i batteri.

Ancora più importante, anche se la gengivite può essere contagiosa, è prevenibile e curabile. Mantenere un rigido programma di pulizia dei denti con le tecniche appropriate di spazzolamento e filo interdentale può aiutare a fermare la diffusione della gengivite.

Come puoi diffondere la gengivite?

La malattia gengivale si manifesta in coloro che hanno una fluttuazione di ormoni o con una condizione di salute associata che indebolisce il sistema immunitario. La gengivite può anche essere diffusa dallo scambio di saliva con le persone colpite, come notato in precedenza.

I batteri legati alla gengivite possono essere diffusi attraverso la condivisione di posate e baci. Questo non dovrebbe preoccupare chi ha una buona salute orale e chi segue una corretta igiene orale.

In alcuni casi, la gengivite può diffondersi da mamma a bambino se la madre ha il ceppo batterico A. actinomycetemcomitans, secondo l’American Dental Association. Riferiscono il rischio di diffondere questo batterio gengivite ai bambini sotto i tre anni come 26 volte più probabili in questa circostanza.

La gengivite è curabile?

Sì, la gengivite è curabile. La gengivite è la fase iniziale della malattia parodontale e, se presa precocemente, può essere invertita prima che venga effettuato un danno permanente.

Una volta che si sviluppa nella malattia parodontale, le ossa vengono colpite e si formano delle tasche tra il dente e le gengive. Ciò consente ai batteri di invadere e sono possibili infezioni, perdita di tessuto e persino perdita di denti.

Ai primi segni di gengivite, la cura e la pulizia dei denti a casa è fondamentale. È importante prendersi cura dei denti e della bocca in ogni momento, ma se c’è sangue, tenerezza o infiammazione della linea di gomma, è necessario prestare la massima attenzione.

Quanto tempo ci vuole per curare la gengivite?

Con una corretta pulizia di denti e gengive, possono essere necessari fino a 14 giorni per trattare la gengivite. Senza sapere come curare correttamente la gengivite, il processo di guarigione potrebbe durare più a lungo.

I sintomi della gengivite che persistono, o non si dissipano dopo due settimane, possono essersi sviluppati nella malattia parodontale. È necessaria una visita dal dentista per prevenire ulteriori danni in questa fase.

Chi è a rischio di gengivite?

Tutti possono sperimentare la placca in un momento o in un altro, ma molte persone sono a più alto rischio di gengiviti rispetto ad altri.

1. Donne

Le femmine sono sensibili alle malattie orali come la gengivite con la fluttuazione degli ormoni nel corso della loro vita.

  • Le donne in età adolescenziale e in menopausa possono provare denti e gengive sensibili.
  • La gravidanza, soprattutto nelle fasi successive, vede un aumento della produzione di ormoni. Questo può portare a gengive sanguinanti e una condizione nota come gengivite ipertrofica. Visto solo in gravidanza, questa forma di gengivite può presentarsi con un piccolo tumore rosso alla linea di base dei denti. Questo è benigno, ma può portare a sanguinamento.
  • Chi soffre di postmenopausa può sviluppare gengivite desquamativa, che può portare alla perdita dei denti in quanto la linea della gomma si separa dal dente stesso. Il dolore lancinante è comune quando i nervi sono visibili.

2. Diabetici

La malattia del diabete sopprime il sistema immunitario, abbassando la sua capacità di combattere le infezioni e gli agenti patogeni invasori batterici. L’accumulo di placca diventa tartaro, che è una sostanza dura che irrita la linea di gomma lungo la base dei denti. Questo può causare infiammazione e sanguinamento della gengiva.

3. Fumatori

L’uso di prodotti del tabacco può aumentare il rischio di gengivite di due volte, poiché il fumo sopprime il sistema immunitario in modo molto simile al diabete. La placca può costruire più velocemente e l’uso continuo del tabacco può anche compromettere il processo di guarigione della gengiva.

4. Carenza di vitamina

Le nostre cellule di tessuto e ossa, inclusi i denti, richiedono quantità sufficienti di vitamine antiossidanti per mantenere un ambiente sano e per la riparazione naturale. Avere una carenza di vitamina C, acido folico e riboflavina può avere un effetto diretto sulla salute della nostra bocca, portando a gengiviti.

5. Stress

Emotivo e qualsiasi stress fisico può causare lo sviluppo di gengivite acuta necrotizzante acuta. Questa forma può presentare un improvviso sanguinamento delle gengive accompagnato da un forte dolore.

Altri rischi

Problemi dentali comuni che presentano un rischio più elevato di gengivite possono includere denti storti, otturazioni, protesi e piastre non correttamente montati, scarsa pulizia delle parentesi graffe e alcuni farmaci come pillole anticoncezionali.

Come prevenire la gengivite

La prevenzione della gengivite inizia con una corretta igiene orale. Seguendo diversi passaggi chiave ogni giorno, la gengivite e altre malattie gengivali possono essere prevenibili e la salute della bocca rimarrà in regola.

  • Lavati i denti due volte al giorno e prima di coricarsi.
  • Utilizzare uno spazzolino da denti con setole morbide e una piccola testa.
  • Usa lo spazzolino lungo la linea della gomma durante la spazzolatura.
  • Lasciare che il dentifricio al fluoro agisca sui denti non risciacquando la bocca con acqua dopo la spazzolatura.
  • Flossare i denti dopo ogni pasto.
  • Impara le tecniche appropriate per il filo interdentale.
  • Rimuovere i depositi di placca con i detergenti per la pulizia orale come i dispositivi di irrigazione dell’acqua.
  • Utilizzare collutorio antipiega o antibatterico e dentifricio.
  • Vedi un dentista ogni sei mesi per una corretta pulizia e controllo.
  • Sostituisci lo spazzolino ogni quattro mesi.
  • Smettere di fumare.
  • Mangia una dieta sana.
  • Evitare il consumo di cibi e bevande zuccherati.

La gengivite è una forma lieve di malattia parodontale che può essere trattata nelle fasi precedenti prima che si verifichi un danno grave.

Potrebbe essere necessaria un’ulteriore precauzione con la gengivite, poiché è considerata una malattia contagiosa da alcuni esperti, tra cui l’American Dental Association. È causato da un ceppo batterico che può essere diffuso dall’uso condiviso di oggetti orali e attraverso i baci.

Prendersi cura dei propri denti e bocca è una parte infinita di buona salute orale. Inizia con le tecniche appropriate di spazzolamento e filo interdentale, oltre a limitare il consumo di snack zuccherati.

Prestando particolare attenzione alla salute della bocca, la gengivite può essere prevenuta, gestita e, eventualmente, anche curata.