Cerca
Cerca
La curcuma abbassa la pressione sanguigna? Dosaggio e consigli per la sicurezza

La curcuma abbassa la pressione sanguigna? Dosaggio e consigli per la sicurezza

La curcuma abbassa la pressione sanguigna? Questa domanda è stata al centro di molti studi di ricerca, in quanto la curcuma contiene l’agente antiossidante noto come curcumina. Trovato nelle radici della pianta di curcuma, la curcumina è un composto chimico e un rimedio a base di erbe che è stato usato per secoli nelle culture asiatiche. L’effetto curativo della curcumina e della curcumina sulla pressione alta, o ipertensione, è stato documentato, anche se i ricercatori non hanno ancora trovato un legame diretto con l’abbassamento della pressione sanguigna.

Da non confondere con la radice di curcuma giavanese (Curcuma xanthorrhiza), che proviene anche dalla famiglia dello zenzero, la pianta della curcuma (Curcuma longa) offre un sapore pungente e amaro che viene comunemente usato come spezia per aromatizzare piatti cinesi e indiani, come anche per curare infezioni, ferite, raffreddori e indigestione. Un modo popolare per usare la pianta è di mettere le sue radici in polvere in acqua bollente per i benefici del tè alla curcuma.

In termini di pressione sanguigna, la curcuma ha dimostrato di ridurre indirettamente l’infiammazione dei vasi sanguigni, ostacolare la coagulazione del sangue e abbassare i livelli di colesterolo.

Come la curcuma potrebbe gestire in modo potenziale la pressione sanguigna

1. Rilassa i vasi sanguigni

La curcumina in curcuma è stata dimostrata in studi clinici per aiutare a prevenire il restringimento dei vasi sanguigni, che può aumentare la pressione sanguigna. Questo effetto è visto con l’uso del turmerone isolato e della frazione di olio di curcuma.

Gli studi dimostrano che la curcumina può effettivamente causare vasorilassazione, durante la quale viene rilasciata la tensione all’interno delle pareti dei vasi sanguigni. Questa azione consente un flusso più uniforme della circolazione, riducendo la pressione sanguigna.

2. Proprietà di assottigliamento del sangue

Considerato un potenziale diluente del sangue naturale, si pensa che la curcuma funzioni per prevenire la coagulazione del sangue, se necessario. Le proprietà attive della curcumina includono l’attività anti-piastrinica.

Va notato che, mentre gli studi suggeriscono che la curcumina agisca come un anticoagulante, non sono stati condotti studi sull’uomo che hanno coinvolto pazienti trattati con farmaci anticoagulanti. Questo include quelli con una malattia emorragica.

Le proprietà anti-coagulanti della curcumina lo rendono una scelta pericolosa per i pazienti che assumono warfarin, o coumadin, in quanto possono aumentare il rischio di sanguinamento grave.

3. Regola il sistema renina-angiotensina

Uno dei benefici riportati della curcuma comprende la regolazione del sistema renina-angiotensina (RAS), che controlla la pressione sanguigna e i livelli di liquidi. All’aumentare della pressione sanguigna, il sistema renina-angiotensina lavora per bilanciare i livelli di liquidi nel corpo.

La renina è un enzima rilasciato dai reni che fa aumentare la pressione sanguigna con l’aumento dei suoi livelli. Il flusso di sangue ai reni è ridotto dalla costrizione dei vasi sanguigni.

Uno studio pubblicato nella rivista Scientific Reports ha rilevato che la curcumina ha abbassato la pressione sanguigna dei topi con ipertensione indotta da angiotensina II.

4. Ricarica il glutatione antiossidante

Il glutatione è indicato come “la madre degli antiossidanti”, poiché è un prodotto immunitario e disintossicante prodotto naturalmente nel corpo.

Una combinazione di aminoacidi cisteina, glutammina e glicina, questo antiossidante può essere ridotto da alcuni farmaci, tossine, stress estremo e cattive abitudini alimentari.

La curcuma aiuta a ripristinare i livelli di glutatione, che potrebbero a sua volta controllare la pressione sanguigna, oltre a prevenire il danno cellulare e altre funzioni essenziali.

5. Riduce lo stress ossidativo indotto dall’ipertensione

È stato suggerito che l’ipertensione è causata dallo stress ossidativo, che può portare a problemi con la struttura dei vasi sanguigni.

La curcumina in curcuma può aiutare a ridurre qualsiasi infiammazione e prevenire il restringimento dei vasi sanguigni.

Lo stress ossidativo si verifica quando la quantità di radicali liberi dannosi che circolano nel corpo è superiore al livello di antiossidanti necessari per neutralizzare questi agenti negativi.

Lo stress ossidativo indotto dall’ipertensione può causare restringimento e ispessimento delle pareti e delle cellule dei vasi sanguigni. La diminuzione dei canali vascolari può portare ad un aumento della pressione sanguigna.

6. Migliora la disfunzione arteriosa legata all’età

La curcumina in curcuma è stata dimostrata in studi clinici per il trattamento dell’ipertensione arteriosa causata da disfunzione arteriosa correlata all’età. L’indurimento delle arterie e bassi livelli di ossigeno possono portare a malattie cardiovascolari nel tempo.

Gli antiossidanti presenti nella curcuma possono stabilizzare lo stress ossidativo e aiutare con la disfunzione arteriosa.

7. Aumenta i livelli di ossido nitrico

Si pensa che la curcuma aiuti a potenziare i livelli di ossido nitrico. Questa molecola è essenziale per la circolazione del sangue, poiché spinge le pareti dei vasi sanguigni ad espandersi. Ciò consente un aumento del flusso sanguigno, che a sua volta riduce la pressione sanguigna alta.

L’ossido nitrico può anche aiutare a prevenire lo stress ossidativo e l’infiammazione che fa aumentare la pressione sanguigna controllando il rivestimento interno dei vasi sanguigni, noto come endotelio.

8. Riduce il colesterolo nel sangue

Dei pochi studi di ricerca su pazienti umani che si concentrano sull’uso della curcuma per abbassare i livelli di colesterolo, la maggior parte ha riportato una diminuzione delle lipoproteine ​​a bassa densità più alte (LDL) o del colesterolo cattivo. Livelli elevati di LDL possono bloccare e danneggiare le arterie.

La curcumina in curcuma ha dimostrato di sopprimere i geni che supportano l’LDL e prevenire l’ossidazione delle LDL. Questo tipo di colesterolo porta all’aterosclerosi, che è l’indurimento delle arterie.

9. Mantiene il corpo caldo

La curcuma è nota come spezia di riscaldamento attiva che aumenta la temperatura corporea centrale producendo un effetto di essiccazione. Ciò si verifica quando i tannini astringenti nella curcuma spremono i tessuti, assorbendo tutta l’acqua in eccesso.

All’aumentare della temperatura interna, la circolazione sanguigna scorre uniformemente, abbassando la pressione del sangue contro le arterie. L’alta pressione sanguigna è spesso visibile quando entrambe le temperature interne ed esterne sono molto basse.

10. Sostituzione del sale

Con la curcumina che promette di essere un agente anti-infiammatorio, antiossidante, antibatterico e antivirale, può essere una scelta migliore del sale per aromatizzare i pasti.

I pazienti con ipertensione arteriosa sono invitati a frenare il loro uso di sale, poiché l’eccesso di sodio nel sangue provoca danni ai vasi sanguigni a causa della presenza di liquidi in eccesso che non possono essere rimossi dai reni.

Si raccomanda l’uso di curcuma in polvere per abbassare la pressione sanguigna quando si sostituisce il sale.

11. Allevia i fattori di rischio per l’ipertensione arteriosa

La curcumina in curcuma agisce come un agente antiossidante e anti-infiammatorio. Mentre l’ipertensione non ha una causa diretta, ci sono fattori di rischio che possono portare a questo stato. Una forma di ipertensione provocata da una condizione di salute esistente è nota come ipertensione secondaria.

I fattori di rischio che possono riguardare l’ipertensione includono età, genetica, razza, obesità, fumo, abuso di alcool, cattiva alimentazione, inattività e stress, nonché condizioni di base come diabete, apnea notturna, malattie renali o persino gravidanza.

L’utilizzo di curcuma può aiutare con alcuni di questi fattori di rischio.

Il dosaggio corretto di curcuma per abbassare la pressione sanguigna

Quanto curcuma dovresti assumere per i suoi effetti che abbassano la pressione del sangue? È importante capire che il contenuto di curcumina in curcuma ha un alto tasso di assorbimento e che il sistema digestivo potrebbe non essere in grado di decomporre facilmente la sostanza.

Per aiutare a combattere gli effetti della curcumina, combinare l’erba con olio extravergine di oliva, olio di cocco o olio di pesce. Ci sono anche supplementi complessi di phososome di curcumina che sono progettati per abbattere facilmente nel corpo.

Poiché il grado di ipertensione può variare per ogni individuo, non esiste un dosaggio universale di curcuma.

Per i rimedi naturali alla curcuma, utilizzare la seguente guida. Una parola di cautela: la curcuma deve essere assunta solo con o dopo i pasti.

  • Radici di curcuma fresche: Utilizzare da uno a tre grammi, o un pezzo da mezzo pollice, tagliato o affettato finemente. Una radice di curcuma fresca può essere utilizzata anche in uno spremiagrumi con un pizzico di pepe nero.
  • Polvere di curcuma: Aggiungi un cucchiaino di polvere di curcuma a un pasto al giorno. Combinare da uno a due grammi di polvere di curcuma e un quarto di cucchiaino di pepe nero due volte al giorno è un’altra opzione per il consumo diretto.
  • Pasta d’oro: Crea una pasta per aumentare la velocità di assorbimento della curcumina con l’uso del calore. Aggiungi una mezza tazza di polvere di curcuma a una tazza d’acqua in una pentola. Riscaldare la miscela fino a formare una pasta densa. Aggiungere un cucchiaino da tè e mezzo di pepe nero macinato e 70 millilitri di olio di cocco o olio d’oliva spremuto a freddo. Raffreddare e utilizzare un quarto di cucchiaino per il primo dosaggio. Quindi, aumentare il dosaggio di un quarto di cucchiaino ogni settimana fino a due cucchiaini da due a tre volte al giorno.
  • Tintura di curcuma: Usa da 10 a 30 gocce di tintura di curcuma due o tre volte al giorno. Aggiungere la tintura a succo di frutta, frullati e tè.
  • Tè alla curcuma: I benefici riportati del tè alla curcuma includono il miglioramento dei sintomi di artrite, il cancro e la prevenzione della malattia di Alzheimer, il colesterolo più basso e un sistema immunitario potenziato. Aggiungere un cucchiaino di curcuma a quattro tazze di acqua bollente. Sobbollire per 10 minuti e filtrare prima di bere. Consumare 1-2 tazze al giorno.
  • Latte di curcuma: Riscalda un pezzo di curcuma che misura mezzo o un pollice per 15 minuti con otto once di latte. Togliere dal fuoco una volta che il latte inizia a bollire e filtrare per rimuovere la curcuma. Raffreddare e consumare una o due tazze al giorno.
  • Supplementi di curcuma: Assumere da due a tre dosi da 300 a 400 milligrammi al giorno.

Precauzioni da considerare quando si usa la curcuma per abbassare la pressione sanguigna

Naturalmente, ci sono preoccupazioni sugli effetti di qualsiasi trattamento della pressione arteriosa. Quindi, la curcuma è sicura?

È a basse dosi. La curcuma ingerita dalle fonti alimentari è considerata entro un intervallo di consumo sicuro.

Le precauzioni da prendere con la curcuma entrano in gioco con gli integratori o quando si consumano grandi dosi. Le etichette supplementari possono suggerire fino a quattro dosaggi giornalieri di 500 milligrammi ciascuno.

La curcuma può essere pericolosa a grandi dosi perché è intesa per abbassare la pressione sanguigna. Se i livelli di pressione scendono troppo o troppo rapidamente, possono insorgere gravi complicazioni. Questi possono includere un battito cardiaco rapido; febbre alta; allucinazioni; e problemi allo stomaco, alla cistifellea e ai reni.

Coloro che hanno già problemi di salute come il diabete e le malattie del fegato devono anche prendere precauzioni quando usano la curcuma. Le proprietà della spezia possono contrastare determinati farmaci da prescrizione.

Gli antidolorifici, i farmaci per il sangue e gli antidolorifici prescritti da prescrizione medica e da banco possono ostacolare la coagulazione del sangue essenziale se usati con grandi quantità di curcuma. È necessaria cautela quando si assumono farmaci per la riduzione dell’acidità dello stomaco.

I pazienti chirurgici hanno un aumentato rischio di sanguinamento se la curcuma viene utilizzata nelle settimane precedenti all’intervento chirurgico.

Oltre a quelli con una condizione medica preesistente, si consiglia anche alle donne incinte di non usare la curcuma a grandi dosi, specialmente con integratori, poiché potrebbe comportare un rischio elevato di aborto spontaneo.

La curcuma abbassa la pressione sanguigna?

Sulla base dei risultati della medicina tradizionale ayurvedica e cinese e studi scientifici, la curcuma ha il potenziale per abbassare la pressione alta in alcuni casi.

Come con qualsiasi trattamento, gli effetti della curcuma sull’ipertensione arteriosa variano da individuo a individuo e dipendono dalla presenza di una condizione medica esistente.

Una pressione sanguigna stabile dipende dalla corretta funzione dei vasi sanguigni e del sistema circolatorio, entrambi i quali possono essere ostacolati da fattori di rischio cardiovascolare. La curcumina, il composto attivo in curcuma, sembra avere molteplici benefici di protezione cardio.

La curcuma in forma pura o in combinazione con altre erbe salutari può essere uno dei trattamenti più naturali e possibili strumenti di prevenzione nella battaglia contro l’ipertensione.

Tuttavia, qualsiasi uso di curcuma dovrebbe essere discusso con il medico per prevenire potenziali reazioni allergiche o contromisure da farmaci.