Cerca
Cerca
Comprensione della frattura non piana: come diagnosticarla e trattarla

Comprensione della frattura non piana: come diagnosticarla e trattarla

Una frattura non deformata è una lesione comune in cui una forza provoca la rottura o la rottura dell’osso, ma mantiene il suo allineamento. Un piano di trattamento delle fratture non differenziato è simile a quello di una rottura grave che riposiziona l’osso o una frattura ossea spostata. Ci sono, tuttavia, grandi differenze, ed è importante capire che cos’è una frattura non deformata e i modi adeguati per trattarla.

“Frattura” è il termine medico per un osso rotto, e si dice che tutti sperimenteranno una forma di frattura ossea due volte nella loro vita. Sebbene sia visto in bambini e adulti, un osso giovane guarirà più rapidamente e con meno complicazioni rispetto all’osso di un adulto più grande.

Una frattura non deformata può verificarsi più facilmente con le ossa fragili e in situazioni che causano questo tipo di frattura.

Che cos’è una frattura non deformata?

Secondo la definizione di frattura non deformata accettata, l’osso deve essere diviso in due o più parti. I frammenti dell’osso possono staccarsi, ma rimarranno nell’allineamento corretto, in contrapposizione a quello sospeso nelle vicinanze. Questo è il motivo per cui la frattura non deformata è spesso anche una frattura chiusa, che non fora la pelle.

Una grave frattura non deformata può avere un danno ai tessuti molli che richiede un intervento chirurgico. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la frattura è il risultato di un impatto della zona circostante e non solo è stata mantenuta in una piccola posizione dell’osso.

Cosa causa una frattura non deformata?

Un impatto diretto e forte sull’osso causa una frattura non deformata. L’impatto è maggiore di quello che può sopportare l’osso, causandone la rottura o la frammentazione. È visto con una forza improvvisa e potente.

Una frattura non deformata è comune in cadute, incidenti automobilistici o lesioni sportive. Questa forma di frattura può anche essere causata da un uso eccessivo della zona interessata del corpo.

I sintomi della frattura non deformata

Una frattura non deformata è una rottura dell’osso. I sintomi sono tipici di ciò che ci si potrebbe aspettare, con il dolore che si trova all’estremità superiore della scala.

Potresti anche provare i seguenti sintomi:

  • Suoni di levigatura o scricchiolio al momento dell’impatto
  • Dolore da moderato a severo senza causare dolorabilità al tatto, solitamente non doloroso come una frattura sfollata
  • Gonfiore evidente subito dopo l’infortunio
  • Rossore e lividi poco dopo la frattura, che circonda l’area interessata.

Aree comuni influenzate da frattura non complicata e misure da adottare

Piede e piede

Con una frattura non deformata dell’osso del piede o una frattura non distesa del dito del piede, ci può essere gonfiore e dolore severo, specialmente all’impatto.

Poiché questo varia tra i casi, lo stesso vale per il processo di guarigione. Molte fratture non suddivise in queste regioni richiedono un calpestio o un bendaggio.

Dovresti:

  • Appoggia il piede con poca o nessuna camminata o pressione del peso. Le stampelle potrebbero essere necessarie.
  • Supportare il piede con un impacco morbido per le prime 48 ore per ridurre al minimo il gonfiore.
  • Elevare il piede per i primi due giorni dopo l’infortunio.
  • Applicare un impacco freddo durante questo stadio per ridurre il gonfiore e alleviare il dolore.
  • Il dolore severo può richiedere farmaci antidolorifici da banco o prescritti.
  • Follow-up con appuntamenti medici.

Caviglia e Fibula

Una frattura non deformata della caviglia o una frattura non deformata della fibula seguirà piani di trattamento simili a quelli di un infortunio al piede. Un cast o involucro viene utilizzato con le stampelle per alleviare il dolore e il gonfiore delle attività di carico.

Di solito, un cast viene inserito una volta che la maggior parte del gonfiore si placa, entro le prime 24 ore.

  • Appoggia la caviglia o il perone non appoggiandoti su di esso.
  • Utilizzare un impacco morbido per aiutare con il gonfiore e sostenere la fibula o la caviglia, che è fondamentale durante le prime 48 ore di guarigione.
  • Elevare la caviglia per i primi due giorni a un livello sopra il cuore.
  • Collocare impacchi freddi sul sito a per un trattamento di 20 minuti per le prime 48 ore.
  • Utilizzare farmaci antidolorifici da prescrizione o da banco per il dolore intenso.
  • Follow-up con gli appuntamenti del medico.

Polso

Se la lesione comporta una frattura non deformata dell’osso del polso, una stecca viene comunemente utilizzata per limitare il movimento del polso e della mano. Un cast può essere usato se si riscontra che l’osso del polso non sta guarendo correttamente.

  • Limitare l’uso del polso.
  • Indossare una stecca per impedire il movimento dell’osso del polso. Rimuovere solo per fare il bagno e vestirsi.
  • Elevare il polso sopra il livello del cuore durante le prime 48 ore dalla lesione.
  • Utilizzare impacchi freddi durante questo periodo per ridurre il gonfiore e alleviare il dolore lieve.
  • Trattare il dolore severo con farmaci da banco o con prescrizione medica.
  • Follow-up con appuntamenti medici.

Dito

Con una frattura non deformata dell’osso del dito, una stecca aiuta a mantenere l’allineamento e limitare i movimenti. Una frattura non deformata con le dita può richiedere diverse settimane per guarire. Qualsiasi ferita o taglio causato dalla lesione deve essere trattato e monitorato per segni di infezione.

  • Dito di riposo con un utilizzo minimo
  • Elevare il più possibile per i primi due giorni.
  • Applicare un impacco freddo durante questo periodo per ridurre il dolore e il gonfiore.
  • Utilizzare farmaci da banco o prescritti, se necessario.
  • Indossare sempre una stecca, tranne durante il bagno.
  • Dopo tre giorni, rimuovere la stecca per consentire al dito di piegarsi e spostarsi delicatamente in tutte le direzioni. Sostituisci la stecca dopo l’allenamento.
  • Monitora per eventuali segni di infezione.
  • Follow-up con gli appuntamenti del medico.

Gomito

Una frattura non distesa dell’osso del gomito può causare dolore severo e ridotta gamma di movimento del braccio. Una fionda è comunemente usata in questi casi.

  • Utilizzare una fionda per appoggiare il gomito in posizione.
  • Elevare il gomito sopra il livello del cuore per le prime 48 ore per ridurre il gonfiore.
  • Applicare un impacco freddo durante questo periodo per il dolore e il gonfiore.
  • Può essere necessario assumere farmaci antidolorifici da banco o prescritti.
  • Follow-up con gli appuntamenti del medico.

Altre aree

Avulsione Frattura si verifica al collegamento dell’osso con i tendini o legamenti. Questa frattura non deformata è comunemente osservata negli atleti che non riescono a scaldare adeguatamente i muscoli con lo stretching prima dei giochi o delle pratiche. Può anche provocare una frattura spostata.

Frattura dello scafoide è una rottura dell’osso del polso più piccolo. La rottura dello scafoide richiede un cast da indossare sul polso durante il processo di guarigione. Raramente richiede un intervento chirurgico.

Frattura nasale comporta la frattura dell’osso nasale nella parte superiore del naso. Può anche essere una frattura spostata, ed entrambe le forme di fratture presentano gravi epistassi immediatamente con la lesione.

Frattura obliqua si riferisce a una fessura diagonale rispetto all’asse dell’osso interessato. Una frattura obliqua non distesa si distingue per l’allineamento dell’osso rimasto intatto con una lesione.

Frattura della rotula si verifica con la frattura dell’osso del ginocchio. Un cast è comunemente usato per stabilizzare il ginocchio durante il trattamento.

Frattura sopracondilare si riferisce a una fessura lungo la punta inferiore dell’omero. Conosciuta comunemente come una frattura dei capelli non deformata, è la frattura più comune dei bambini mentre una rarità nell’età adulta.

Frattura a spirale si verifica quando una forza rotante colpisce l’asse dell’osso. Conosciuto anche come frattura di torsione, questo è comunemente visto con l’osso interessato che si muove mentre il corpo rimane in un punto.

Frattura della costola è una rottura di una o più ossa costali. Una frattura costale non deformata causa difficoltà respiratorie.

Frattura di Olecranon è un comune risultato di una caduta con impatto sulla parte ossea del gomito. Una frattura non visibile vede l’immobilizzazione del gomito per tre settimane.

Frattura del piatto tibiale è una rottura dello stinco o della tibia. Si verifica con un impatto forte, principalmente visto con incidenti automobilistici. Una ginocchiera viene spesso utilizzata per limitare il movimento durante il trattamento.

Tempo di recupero della frattura non deformato: quanto tempo ci vuole per guarire?

Il tempo di recupero per una frattura non distesa dipende dalla posizione dell’osso in questione e dalla gravità. Anche il trattamento usato ha un ruolo.

Nella maggior parte dei casi, l’area interessata è immobilizzata, consentendo alla frattura di guarire da sola. Il tempo di guarigione dipende anche dal paziente che segue tutte le linee guida rigorose del trattamento. Le radiografie di follow-up e gli esami fisici effettuati da un medico garantiscono una corretta guarigione.

Mentre la guarigione, il mantenimento della flessibilità della regione è fondamentale. La gamma di esercizi di movimento e movimento lavora per aiutare il recupero dell’osso. Troppo troppo presto può prolungare il processo di guarigione, mentre un movimento non frequente può causare dolore e rigidità della zona interessata.

Una frattura non deformata può accadere in un istante a causa di una caduta o di un incidente. Qualsiasi forma di impatto violento su un osso del corpo può causare la frattura o la rottura dell’osso in pezzi. Come suggerisce il nome, questi pezzi rimangono sul posto ma separati dall’osso.

Il trattamento dipende dalla posizione della rottura e dalla gravità della frattura. La maggior parte dei casi vede le tecniche di immobilizzazione che consentono all’osso di guarire da solo nell’arco di diverse settimane. Casi gravi e rari possono richiedere un intervento chirurgico.