Benefici e Vantaggi della Cannabis Legale per Atleti

Benefici e Vantaggi della Cannabis Legale per Atleti

Ora che la marijuana è legale e disponibile anche online, i ricercatori stanno iniziando a sfatare diversi miti sulla marijuana. Allo stesso tempo, lo stigma sociale dell’erba sta cominciando ad allentarsi, tanto che, infatti, gli atleti e i guru del fitness che lodano i benefici dell’erba per il benessere stanno iniziando a sfidare lo stereotipo dei fumatori pigri e sovrappeso.

Ma la cannabis è davvero una droga miracolosa che migliora le prestazioni atletiche o i suoi effetti collaterali negativi superano i suoi benefici? Elenchiamo quindi di seguito i principali benefici riconosciuti, sopratutto per gli atleti.

Beneficio 1: riduce le infiammazioni

Ridurre l’infiammazione muscolare e articolare è una delle aree più promettenti della ricerca sulla cannabis. Molti studi hanno scoperto che il CBD, il cannabinoide non psicoattivo della marijuana, aiuta ad alleviare l’infiammazione. Ora, i ricercatori stanno esaminando il suo potenziale per trattare condizioni autoimmuni come il morbo di Crohn, il lupus e la psoriasi.

Per gli atleti che vogliono sfruttare i benefici delle proprietà antinfiammatorie del CBD senza fumarlo o sballarsi, sono consigliati i prodotti topici.

Jamie Feaster, un ex saltatore con l’asta del college della Division I e attuale vicepresidente del marketing presso la startup di consegna di marijuana Eaze, si è rivolto anche al CBD per le sue proprietà antinfiammatorie quando si è rotto il tendine di Achille.

“Come atleta attivo, è stato un infortunio devastante ed ero aperto a esplorare soluzioni di medicina alternativa per aiutarmi a guarire”, afferma Feaster. “La lozione CBD mi ha davvero aiutato a capire i benefici per il benessere che la cannabis può fornire. Il CBD è la mia forma preferita, dato che in genere offre i migliori risultati quando si tratta di proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti”.

Beneficio 2: trattare gli spasmi muscolari

Un’altra area di applicazione medica della cannabis è il trattamento degli spasmi muscolari. La cannabis ha mostrato risultati positivi nel trattamento degli spasmi muscolari associati a malattie come la sclerosi multipla e il Parkinson, e i suoi benefici potrebbero estendersi anche agli atleti che soffrono di spasmi.

“Ci sono stati studi sui roditori che hanno mostrato alcuni effetti benefici nel recupero muscolare e nella riduzione degli spasmi muscolari, presumibilmente a causa delle proprietà antinfiammatorie che il composto possiede”, spiega Erich Anderer, M.D., capo di neurochirurgia presso il NYU Langone Hospital – Brooklyn.

Beneficio 3: Migliora il sonno

Non è un segreto che il THC induca il sonno, ma gli studi hanno anche scoperto che può aiutare le persone con apnea notturna e persino sopprimere i sogni, il che è benefico per chi soffre di PTSD.

Nel frattempo, il CBD può alleviare il disturbo del sonno REM (in cui le persone “mettono in atto” i propri sogni) e l’affaticamento diurno. Tutti sanno quanto sia importante il sonno per la forma fisica generale, quindi questo può essere estremamente vantaggioso per le tue prestazioni atletiche.

Tuttavia, gli effetti della marijuana sul sonno hanno alcuni avvertimenti. Un piccolo studio del 2004 ha scoperto che i giovani adulti che assumevano THC prima di andare a letto dormivano normalmente, ma si svegliavano più assonnati e con una memoria ridotta.

Lo stesso studio ha scoperto che una miscela di 5 mg di CBD e 5 mg di THC ha portato a un sonno di fase 3 inferiore, ma a prestazioni migliori il giorno dopo in un compito di richiamo del numero.

Un altro vantaggio: la marijuana può essere un’alternativa ai tradizionali farmaci per il sonno, che possono creare assuefazione e avere una serie di effetti collaterali.