Cerca
Cerca
6 sorprendenti benefici dell’aceto di vino rosso
Condividi:

6 sorprendenti benefici dell’aceto di vino rosso

Gli aceti sono fatti fermentando una fonte di carboidrati in alcol. I batteri dell’acetobacter convertono quindi l’alcol in acido acetico, che conferisce agli aceti i loro forti aromi.

L’aceto di vino rosso viene prodotto facendo fermentare il vino rosso, quindi filtrandolo e imbottendolo. Spesso viene invecchiato prima dell’imbottigliamento per ridurre l’intensità del sapore.

Molte persone amano usare l’aceto di vino rosso nelle ricette, anche se potrebbe avere altri usi domestici.

Ecco 6 benefici per la salute e la nutrizione dell’aceto di vino rosso.

1. Può abbassare i livelli di zucchero nel sangue

L’acido acetico nell’aceto di vino rosso e in altri aceti può aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

Sembra rallentare la digestione dei carboidrati e aumentare l’assorbimento di glucosio, un tipo di zucchero, con conseguente minore glucosio nel sangue.

Uno studio condotto su adulti con insulino-resistenza ha scoperto che bere 2 cucchiai (30 ml) di aceto prima di un pasto ricco di carboidrati abbassava il livello di zucchero nel sangue del 64% e aumentava la sensibilità all’insulina del 34% rispetto a un gruppo placebo.

In un altro studio, prendendo 2 cucchiai da tavola (30 ml) di aceto di sidro di mele prima di coricarsi per 2 giorni, si è ridotto il digiuno dei livelli di zucchero nel sangue fino al 6% nelle persone con diabete di tipo 2.

Se usato per preparare determinati piatti, l’aceto di vino rosso può abbassare l’indice glicemico di questi alimenti (IG). Il GI è un sistema di classificazione che segna quanto un alimento alza lo zucchero nel sangue.

Uno studio ha osservato che la sostituzione dei cetrioli con i sottaceti fatti con aceto ha abbassato il GI di un pasto di oltre il 30%. Un altro studio ha dimostrato che l’aggiunta di aceto o di cibi in salamoia fatti con aceto a riso abbassava il GI del pasto del 20-35%.

L’acido acetico, un componente principale dell’aceto, può aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. L’aceto di vino rosso può anche ridurre il GI degli alimenti.

2. Può proteggere la tua pelle

L’aceto di vino rosso vanta antiossidanti che possono combattere le infezioni batteriche e danni alla pelle. Questi sono principalmente antociani – pigmenti che danno a frutta e verdura i loro colori blu, rossi e viola.

Uno studio in provetta ha stabilito che il contenuto di antocianine dell’aceto di vino rosso dipende dal tipo e dalla qualità del vino rosso utilizzato per realizzarlo. Gli aceti fatti con il Cabernet Sauvignon tendono ad offrire il massimo, fornendo fino a 20 composti di antocianine.

L’aceto di vino rosso contiene anche resveratrolo, un antiossidante che può combattere il cancro della pelle, come il melanoma.

Ad esempio, uno studio in provetta ha scoperto che il resveratrolo ha ucciso cellule cancerose della pelle e ha rallentato significativamente la crescita di nuove cellule tumorali.

Inoltre, l’acido acetico nell’aceto di vino rosso può combattere le infezioni della pelle. Infatti, l’acido acetico è stato usato in medicina per oltre 6.000 anni per curare le ferite e le infezioni del torace, dell’orecchio e del tratto urinario.

In uno studio in provetta, l’acido acetico ha prevenuto la crescita di batteri, come l’Acinetobacter baumannii, che comunemente causano infezioni nei pazienti ustionati.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare i migliori usi dell’aceto per la cura della pelle. Qualsiasi tipo di aceto deve essere diluito con acqua prima di essere applicato sulla pelle per ridurne l’acidità, in quanto l’aceto non diluito può causare irritazioni significative o addirittura ustioni.

L’acido acetico e gli antiossidanti dell’aceto di vino rosso possono essere terapeutici per le infezioni batteriche e altre condizioni della pelle come le ustioni. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche.

3. Può aiutare la perdita di peso

L’acido acetico nell’aceto di vino rosso può favorire la perdita di peso.

L’acido acetico ha dimostrato di ridurre l’accumulo di grasso, aumentare la combustione dei grassi e ridurre l’appetito.

Inoltre, mantiene più a lungo il cibo nello stomaco. Questo ritarda il rilascio di grelina, un ormone della fame, che può impedire l’eccesso di cibo.

In uno studio, gli adulti obesi hanno bevuto una bevanda da 17 once (500 ml) con 15 ml, 30 ml o 0 ml di aceto al giorno. Dopo 12 settimane, i gruppi di aceto avevano pesi significativamente più bassi e meno grasso della pancia rispetto al gruppo di controllo.

In un altro studio su 12 persone, coloro che ha consumato aceto con quantità maggiori di acido acetico insieme alla loro colazione a base di pane bianco hanno riportato un aumento di pienezza rispetto a quelli che consumavano aceto a basso acetico.

L’aceto di vino rosso può favorire la perdita di peso aumentando la sensazione di pienezza e ritardando il rilascio degli ormoni della fame.

4. Contiene potenti antiossidanti

Il vino rosso, l’ingrediente principale dell’aceto di vino rosso, vanta potenti antiossidanti polifenolici, tra cui il resveratrolo. Il vino rosso contiene anche pigmenti antiossidanti chiamati antociani.

Gli antiossidanti prevengono il danno cellulare causato da molecole note come radicali liberi, che possono altrimenti portare a malattie croniche come il cancro, il diabete e le malattie cardiache.

Gli antiossidanti nel vino rosso sono anche presenti nel suo aceto, anche se in piccole quantità. Il processo di fermentazione può ridurre il contenuto di antocianine fino al 91%.

L’aceto di vino rosso contiene potenti antiossidanti noti per aiutare a prevenire le malattie croniche. Tuttavia, gran parte del contenuto originale di antiossidanti nel vino rosso si perde durante il processo di fermentazione.

5. Può aumentare la salute del cuore

L’aceto di vino rosso può migliorare la salute del tuo cuore.

Il suo acido acetico e il resveratrolo possono aiutare a prevenire coaguli di sangue e abbassare il colesterolo, l’infiammazione e la pressione sanguigna.

Sebbene la maggior parte degli studi esaminino il vino rosso, il suo aceto contiene gli stessi antiossidanti – solo in quantità molto minori.

Uno studio di 4 settimane su 60 adulti con ipertensione ha rilevato che l’assunzione di estratto di vino rosso ha abbassato significativamente la pressione sanguigna rispetto all’estratto di uva, che non ha avuto alcun effetto.

I polifenoli come il resveratrolo nell’aceto di vino rosso rilassano i vasi sanguigni e aumentano la quantità di calcio nelle cellule, migliorando la circolazione e abbassando la pressione sanguigna.

L’acido acetico può avere effetti simili. Studi su roditori indicano che l’acido acetico abbassa la pressione sanguigna aumentando l’assorbimento del calcio e alterando gli ormoni che controllano la pressione sanguigna, così come il bilancio dei fluidi e degli elettroliti.

Uno studio ha rivelato che i ratti alimentati con acido acetico o aceto hanno sperimentato una significativa riduzione della pressione arteriosa rispetto ai ratti alimentati solo con acqua.

Inoltre, sia l’acido acetico che il resveratrolo possono abbassare i trigliceridi e il colesterolo, alti livelli dei quali sono potenziali fattori di rischio per le malattie cardiache.

È stato dimostrato che l’acido acetico abbassa il colesterolo totale e i trigliceridi nei ratti. Alte dosi hanno anche abbassato il colesterolo LDL (cattivo) nei conigli alimentati con una dieta ricca di colesterolo.

L’acido acetico e i polifenoli nell’aceto di vino rosso possono aiutare a ridurre il colesterolo totale, la pressione sanguigna e i trigliceridi, i cui alti livelli possono essere fattori di rischio per le malattie cardiache.

6. Incredibilmente versatile

L’aceto di vino rosso è ampiamente utilizzato in cucina, ma può avere anche altre applicazioni.

È spesso un ingrediente in condimenti per insalata, marinate e riduzioni. L’aceto di vino rosso si abbina bene con cibi sostanziosi come carne di maiale, manzo e verdure.

Mentre l’aceto bianco è spesso riservato alla pulizia della casa, l’aceto di vino rosso può essere usato per la cura personale.

Ad esempio, è possibile diluire l’aceto di vino rosso con acqua in rapporto 1: 2 e utilizzarlo come un toner facciale.

Inoltre, aggiungendo 2-3 cucchiai (30-45 ml) di aceto di vino rosso al vostro bagno insieme a sale Epsom e lavanda può lenire la pelle. Alcune persone trovano anche che l’aceto di vino rosso diluito aiuta a guarire le scottature solari.

L’aceto di vino rosso è più spesso usato in condimenti per insalata e marinate per piatti a base di carne e verdure. Detto questo, può anche essere usato per la cura della persona.

Il consumo eccessivo può avere effetti negativi

L’aceto di vino rosso può avere alcuni aspetti negativi.

È stato dimostrato che il consumo giornaliero per diversi anni aumenta il rischio di effetti negativi.

Ad esempio, bere troppa aceto può peggiorare i sintomi digestivi, come nausea, indigestione e bruciore di stomaco. Può anche influire sulla pressione del sangue e sui farmaci per il cuore abbassando i livelli di potassio, che possono ridurre ulteriormente la pressione sanguigna.

Inoltre, soluzioni acide come l’aceto possono danneggiare lo smalto dei denti, quindi assicurati di sciacquarti la bocca con acqua dopo aver gustato cibi o bevande contenenti aceto.

Il consumo a lungo termine di aceto di vino rosso può causare indigestione e nausea, interagire negativamente con alcuni farmaci per la pressione sanguigna e danneggiare lo smalto dei denti.

La linea di fondo

L’aceto di vino rosso ha una serie di benefici, tra cui meno zucchero nel sangue, pressione sanguigna e colesterolo. Come è derivato dal vino rosso, vanta anche un numero di antiossidanti.

Bere o usare questo aceto con moderazione è sicuro ma potrebbe essere dannoso se assunto in eccesso o insieme a determinati farmaci.

Condividi: