Cerca
Cerca
4 modi per utilizzare il CBD per la tua salute
Condividi:

4 modi per utilizzare il CBD per la tua salute

Dire che i prodotti CBD sono venduti ovunque, per tutto, sarebbe un eufemismo. All’ultimo conteggio, erano proprio ciò di cui hai bisogno per dormire meglio, ridurre l’ansia, alleviare il dolore, migliorare la concentrazione e trattare la sclerosi multipla (SM). In alcuni casi, ci sono prove decenti per suggerire la loro efficacia. In altri, occorre fare molta più ricerca. Ma come fai a tenere traccia di tutti i modi di usare il CBD?

Proprio come la varietà di disturbi che il CBD può o non può trattare, ci sono modi apparentemente infiniti per prenderlo. Penne Vape, tinture e olii, creme topiche, tè CBD, caramelle CBD e altro sono disponibili per i consumatori e possono causare molta confusione.

I prodotti e gli integratori di CBD non sono diversi dagli altri medicinali in quanto sono dose-dipendenti e alcune forme di CBD possono essere più utili di altre in diverse situazioni. Ad esempio, se si cercasse un rapido sollievo dall’ansia, uno spray o una tintura fornirebbe risultati migliori e più rapidi di una bomba da bagno CBD, se una bomba da bagno CBD offrisse vantaggi di sorta.

Cos’è il CBD?

Il CBD, o cannabidiolo, è un estratto trovato nelle piante di cannabis. È un cannabinoide che proviene in gran parte dalle varietà di canapa, anche se si trova anche in piccole quantità nelle piante di marijuana.

I cannabinoidi sono naturalmente presenti anche nel corpo umano e il CBD incoraggia la loro liberazione. Da lì, interagiscono con i recettori in tutto il corpo e il cervello.

Il CBD non fornisce il “massimo” associato al tetraidrocannabinolo (THC) e alla marijuana tradizionale e, sebbene in genere vi sia una piccola percentuale di THC nei prodotti CBD, non è sufficiente produrre effetti che alterano la mente.

Oggi le piante di canapa (per legge) contengono meno dello 0,3% di THC, mentre le piante di marijuana generalmente contengono dal 5% al ​​30% di THC.

4 modi per utilizzare il CBD

Le aziende hanno sfruttato il potenziale di guarigione del CBD per sviluppare una varietà di prodotti, alcuni degni di nota e altri apparentemente frivoli.

1. Penne Vape CBD

Mentre ci sono alcuni che fumano il fiore di canapa CBD nel senso tradizionale – arrotolandolo in una sigaretta – più frequentemente si usano penne a sigaretta o sigarette elettroniche. Questi dispositivi riscaldano le dosi concentrate di olio di CBD fino a quando non bolle. Il vapore che produce viene inalato.

Per un’azione veloce, questo metodo è probabilmente l’opzione migliore. L’inalazione di CBD porta il composto nel sangue in circa 30 secondi, il che potrebbe renderlo prezioso per le persone che usano il CBD per affrontare il dolore o l’ansia del corpo.

Sebbene conveniente, potrebbero esserci alcuni rischi di svapare. A volte le cartucce che trasportano l’olio contengono una sostanza chimica chiamata glicole propilenico. Una volta riscaldato, può trasformarsi in formaldeide che può causare irritazione intorno al naso e agli occhi e potenzialmente aumentare il rischio di asma o cancro. Muoversi in questa direzione, tuttavia, può essere semplice come trovare oli o cartucce “senza solventi”.

Un problema comune con la maggior parte dei prodotti CBD, compresi gli oli di vaporizzazione, è il dosaggio. Senza un sistema standardizzato per monitorare e testare i prodotti, potrebbero esserci delle variazioni in quello che stai ottenendo. Anche l’etichettatura può essere fonte di confusione. Un’etichetta dice 1.000 mg di media per dose o per cartuccia?

Consultare un medico per aiutarvi a determinare il dosaggio appropriato.

Per valutare la dose, il medico in genere inizierà con la raccomandazione minima e andrà da lì.

2. Gocce e spray CBD

Le tinture CBD sono vendute come gocce o spray e somministrate per via orale. Alcune gocce di olio di CBD sotto la lingua, mantenute per circa 30 secondi, dovrebbero entrare in vigore in circa 15-30 minuti.

Uno spruzzo dovrebbe essere sparato all’interno della guancia e dovrebbe impiegare lo stesso tempo per calciare.

Se la tintura o lo spray viene erogato sulla parte superiore della lingua o sul retro della gola, ci vorrà più tempo per funzionare. Pertanto, se si sta utilizzando il prodotto per ottenere attenzione, alleviare l’ansia o trattare un riacutizzarsi del dolore, sotto la lingua o all’interno della guancia è dove mettere la tintura.

Trovare la dose migliore per le tue esigenze richiederà alcuni esperimenti, anche sotto la guida di un medico. I dosaggi partono dalla fascia bassa, con 10 mg circa, ma è del tutto possibile che sia necessario un massimo di 30 mg.

3. Tematiche del CBD

Il CBD può essere utilizzato anche per il dolore articolare come uno sfregamento topico. L’estratto viene miscelato in una crema CBD o balsamo con un olio di base per migliorare la copertura e la penetrazione della pelle. È probabile che gli oli di base includano cera d’api, olio di cocco o un altro grasso.

Poiché i prodotti topici di CBD sono localizzati e non assorbiti dall’intero corpo, potrebbero essere più sicuri. Questo non vuol dire che altre forme di CBD siano insicure, ma piuttosto non ci sono studi a lungo termine che confermino la loro sicurezza. Esistono prove preliminari che suggeriscono che il CBD topico può essere un trattamento efficace per il dolore articolare e l’infiammazione associati all’artrite.

Per essere efficaci, è probabile che questi prodotti siano molto potenti. Qualcosa nella gamma di 100 mg per oncia è probabilmente ok, ma testare l’oggetto prima di acquistarlo può essere di grande aiuto. Lo sfregamento può avere effetto quasi istantaneamente, quindi se lo provi e non succede nulla, probabilmente non dovresti preoccuparti.

4. CBD Edibles

Mangiare un po ‘di caramelle al CBD, bere un tè al CBD, o prendere una pillola – qualsiasi forma di cibo commestibile, può sembrare divertente, ma potrebbe essere inefficace se stai cercando un sollievo rapido. Perché il CBD entrerà attraverso il sistema digestivo, c’è una sottile possibilità che noterai dei benefici immediati. L’assorbimento richiederà almeno 30 minuti e probabilmente più a lungo.

I commestibili sono anche considerati il ​​modo “meno sano” per prendere il CBD. Gummies e caramelle sono esattamente ciò che i nomi dicono che sono: caramelle. Caramelle infiammate e zuccherate. È anche possibile che per ottenere un effetto da questi prodotti sia necessario prenderne un sacco.

Le pillole saranno probabilmente il dosaggio più affidabile quando si tratta di alimenti, ma ancora una volta, il processo di assorbimento ritarderà i suoi potenziali effetti. Cerca sempre il parere del tuo medico sui dosaggi e sui potenziali rischi.

CBD è legale?

A partire dal dicembre 2018, il petrolio della CBD non è più una sostanza criminalizzata a livello federale. Detto questo, le singole leggi statali possono essere un po ‘torbide. In posti come l’Idaho, il Sud Dakota e il Nebraska, il CBD e tutti i prodotti di cannabis sono ancora completamente illegali.

Il CBD è legale in tutti gli altri stati, tuttavia c’è una variazione su dove può essere venduto, chi può comprarlo e se è richiesta o meno una prescrizione. Assicurati di guardare le leggi nella tua zona prima di acquistare qualsiasi prodotto.

Il CBD è legale anche altrove in Nord America, inclusi Canada e Messico.

Che cosa dice la ricerca

Vi sono alcune ricerche scientifiche molto promettenti e numerose prove aneddotiche, suggerendo che il CBD può essere utile nell’aiutare a trattare una varietà di condizioni. Tre degli usi più notevoli finora sono per alleviare il dolore, l’ansia e l’epilessia.

È anche importante notare che, poiché il CBD era illegale fino a poco tempo fa, la ricerca era molto limitata. Fondamentalmente, la CBD non poteva essere data agli umani. Ora che è ampiamente legale, vedremo se i risultati preliminari si traducono in più studi sull’uomo.

Sollievo dal dolore

Esistono prove del fatto che il CBD può essere di aiuto nel sollievo dal dolore derivante dall’artrite e da altre fonti. Una combinazione di THC e CBD è stata notata per il sollievo dal dolore quando assunto come spray, in particolare nelle persone affette da sclerosi multipla e artrite.

Due piccoli studi sull’uomo hanno dimostrato che un prodotto chiamato “Sativex” può aiutare a migliorare la mobilità, il sonno e il dolore generale nelle persone con SM e artrite.

Gli studi hanno anche dimostrato che gli estratti di CBD possono ridurre il dolore e l’infiammazione nei ratti artritici.

Anche gli strofini d’attualità possono aiutare. La ricerca ha scoperto che l’applicazione topica della CBD era in grado di ridurre sostanzialmente il dolore causato dall’artrite.

Lo studio, che è stato pubblicato nell’European Journal of Pain utilizzando un modello animale, ha dimostrato che, applicato per quattro giorni, il CBD ha drasticamente abbassato i marker infiammatori e i segni del dolore. Inoltre, non sono stati osservati effetti collaterali negativi.

Ansia e depressione

Studi condotti su animali e su animali hanno dimostrato che il CBD può offrire sollievo dall’ansia e dalla depressione. Un piccolo studio umano di 24 persone con ansia ha mostrato miglioramenti nei sintomi derivanti dall’assunzione di 600 mg di olio di CBD prima di parlare in pubblico.

C’è anche la prova che può aiutare con il sonno, un fattore che contribuisce alla depressione e all’ansia. L’olio di CBD ha anche dimostrato di provocare risposte antidepressive nei modelli animali.

Epilessia

Nel giugno 2018, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato l’uso di un prodotto della CBD per trattare le crisi in pazienti epilettici.

Chiamato “Epidiolex”, la formula a base di olio specificamente bersaglia le convulsioni associate alla sindrome di Lennox-Gastaut (LGS) sindromi epilettiche e alla sindrome di Dravet. Le persone devono avere almeno due anni e più.

I dati raccolti per diversi anni attraverso più studi clinici controllati hanno portato alla decisione rivoluzionaria della FDA.

Ad esempio, uno studio del 2018 ha rilevato che i pazienti LGS che aggiungevano olio di CBD al loro trattamento convenzionale per l’epilessia vedevano una diminuzione della frequenza delle crisi convulsive rispetto al placebo.

Uno studio del 2017 ha prodotto risultati simili nei pazienti con sindrome di Dravet con crisi convulsive e resistenti ai farmaci.

Effetti collaterali e precauzioni del CBD

Parte di ciò che conferisce al CBD il suo ampio appeal è che è generalmente considerato sicuro. La maggior parte delle persone lo tollerano molto bene e le alte dosi possono essere sicure per trattare potenzialmente un certo numero di condizioni. Finora, nessun effetto collaterale maggiore o sistemico è stato identificato con l’uso di CBD.

In alcune persone possono verificarsi effetti collaterali minori. Queste persone possono sperimentare:

  • Stanchezza / fatica
  • Diarrea
  • Cambiamenti nell’appetito

Esistono pochissime ricerche sugli effetti dell’olio di CBD nelle donne in gravidanza o in allattamento e nei bambini. Per questo motivo, la maggior parte degli esperti consiglia a questi gruppi di evitare completamente il suo utilizzo.

CBD: conoscere le tue opzioni può rendere la decisione più facile

Con così tanti potenziali usi e modi per prenderlo, l’olio di CBD può essere sia eccitante che confusionario. Conoscere le proprie esigenze e il motivo per cui si sta assumendo il CBD è importante quando si seleziona la forma di amministrazione, poiché si ottiene il massimo dal botto.

Discutete le vostre opzioni con un professionista medico e potreste essere sulla buona strada per un’esistenza più rilassata e indolore.

Condividi: