Le cipolle assorbono le malattie

da qualche giorno gira su internet una notizia che sta facendo scalpore e che ha come protagonista la CIPOLLA!
in questa storia si esaltano le sue proprietà curativo-preventive nei confronti di molte malattie. verità o semplice mito?
ma come?non sapevate che la cipolla è da sempre ritenuta curativa e che anche i più moderni studi ne esaltano , tra gli altri, le proprietà anti-infettive e anti-tumorali?!

ecco qui ciò che circola sul web:

Nel 1919, quando l’influenza ha ucciso 40 milioni di persone c’era questo medico che ha visitato i molti agricoltori per vedere se poteva aiutarli a combattere l’influenza …Molti degli agricoltori e delle loro famiglie avevano contratto la malattia e molti morirono.
Il medico venne presso un contadino e con sua grande sorpresa, constatò che tutti in famiglia erano molto sani. Quando il medico chiese cosa stesse facendo l’agricoltore perché in famiglia erano tutti sani, la moglie rispose che aveva messo una cipolla non sbucciata in un piatto nelle stanze della casa, (probabilmente solo due camere allora). Il dottore non riusciva a crederci e gli chiese se poteva avere una delle cipolle per esaminarla al microscopio . Il contadino diede al dottore una di quelle cipolle e, guardando al microscopio il medico trovò il virus dell’influenza nella cipolla, la quale aveva assorbito i virus mantenendo la famiglia sana.
Ora, ho sentito quest’altra storia dal mio parrucchiere.
Diversi anni fa, molti dei suoi dipendenti erano giù per avere preso l’influenza, e così molti dei suoi clienti. L’anno successivo ha disposto diverse ciotole con cipolle in giro nel suo negozio. Con sua sorpresa, nessuno del suo staff si è ammalato. Si deve lavorare. Provate e vedrete cosa succede. Lo abbiamo fatto l’anno scorso e non abbiamo mai avuto l’influenza.
Ora ho mandato uno scritto ad un amico in Oregon, che collabora regolarmente con me mandandomi materiale sanitario. Lui mi ha risposto con questa esperienza più interessante sulle cipolle:
Grazie per avermelo ricordato. Io non so la storia del contadino … ma, so che ho contratto la polmonite, e, manco a dirlo, sono stato molto male … Mi sono imbattuto in un articolo che diceva di tagliare entrambe le estremità di una cipolla, metterla in un barattolo vuoto e posizionare il vaso accanto al paziente malato di notte. Ha detto che la cipolla sarebbe diventata la mattina dopo nera di germi … di sicuro è successo proprio così … la cipolla era un disastro e ho io ho cominciato a stare meglio.
Un’altra cosa che ho letto in questo articolo è che le cipolle e l’aglio disposti intorno alla stanza hanno salvato molti dalla peste nera, alcuni anni fa. Hanno potenti antibatterici, proprietà antisettiche.

ecco perchè a volte fa male:

Un sacco di volte, quando abbiamo problemi di stomaco non sappiamo a cosa dare la colpa. Forse la colpa è della cipolla. Infatti le cipolle assorbendo i batteri sono così brave da impedirci di prendere raffreddori e influenze, ed è proprio questa la ragione per cui non si deve mangiare una cipolla dopo troppo tempo da che è stata tagliata, perché ha assorbito i batteri dannosi.

il dato reale:

le cipolle sono un enorme magnete per i batteri, in particolare le cipolle cotte. Non si dovrebbe mai conservare una parte di una cipolla affettata , perché non è sicura nemmeno se la metti in un sacchetto a chiusura lampo e dentro al frigorifero. La cipolla e ‘già abbastanza contaminata solo per essere stata fuori per un po’ dopo essere stata tagliata, e può essere un pericolo per te (e doppiamente attenzione per chi le cipolle le mette negli hotdog ). è pericoloso tagliare una cipolla e cercare di utilizzarla per cucinare il giorno dopo, diventa altamente tossica anche per una sola notte e crea batteri che possono causare infezioni dello stomaco e anche intossicazioni alimentari.

le proprietà “scientifiche” della cipolla:

La cipolla è utile come prevenzione antitumorale ma ha anche molte altre interessanti
caratteristiche. Le sostanze solforate presenti nella cipolla hanno la capacità di ridurre i
trigliceridi e il colesterolo e di combattere l’aggregazione piastrinica per rendere il
sangue più fluido e aiutare a prevenire trombi o coaguli e altre malattie cardiovascolari.
La cipolla è, da sempre, riconosciuta come diuretica e infatti si usava con successo in
tutte le malattie delle vie urinarie (calcoli renali, vescicali, cistiti e prostatiti) sia
mangiandola, sia bevendone il decotto. Contro la gotta e per aumentare la diuresi, la
cipolla era lasciata macerare nel vino bianco ottenendo una bevanda che veniva assunta
durante il giorno. Consumare cipolle è consigliato anche ai diabetici, perchè contiene la
glucochinina, un ormone vegetale dall’azione antidiabetica.
Stimola la funzione disintossicante del fegato e pertanto si consiglia a chi soffre di
patologie epatiche, inoltre normalizza la flora batterica intestinale e rallenta i processi
putrefattivi che liberano sostanze tossiche che possono portare al cancro del colon
e del retto. Contiene enzimi che stimolano la produzione di globuli rossi (effetto
antianemico), apporta ferro e alcuni oligoelementi.
Lo sciroppo di cipolla con un po’ di miele è un rimedio ideale per alcune affezioni
respiratorie tipo bronchiti, tonsilliti e faringiti.
La cipolla mangiata cruda è molto utile per l’apparato digerente in quanto elimina i batteri
patogeni presenti nello stomaco e nell’ intestino favorendo la secrezione biliare e quindi
il processo di digestione, ma purtroppo è sconsigliata a chi soffre di iperacidità e di ulcera
gastroduodenale.
Sono soprattutto le cipolle rosse che vengono usate a scopo medicamentoso.
Dunque, le proprietà terapeutiche della cipolla sono molteplici e possono essere così
riassunte: previene l’arteriosclerosi, abbassa la pressione sanguigna, il colesterolo
ed i trigliceridi, favorisce la diuresi ed ha in generale, proprietà antifungine ed
antibatteriche, espettorante, lassative, digestive, cicatrizzanti e si possono curare le
punture di insetti.
L’uso della cipolla è sconsigliato alle donne in gravidanza e ai malati di fegato. Inoltre il
suo utilizzo crudo è da evitare per chi soffre di dermatosi e a chi sanguina con facilità.

Lascia un Commento