Troppo sale nel cibo: i consigli di Fooducate per ridurre la quantità giornaliera
«Troppo sale nel cibo fa male»: è un concetto diffuso nel mondo scientifico, ma non condiviso dal Salt Institute negli Usa e dall’European Salt Association che hanno riaperto il dibattito sulle quantità consigliate. Secondo le due associazioni il sale è una sostanza salutare, e non bisogna abbassare la quantità massima giornaliera per evitare conseguenze negative. A sostegno di questo azzardato punto di vista si sono schierate numerose industrie alimentari, che cercano invano di ridurre il quantitativo nei loro prodotti senza alterarne il gusto.

Certo il sale è importante e non va eliminato, ma quando è troppo c’è il rischio di favorire patologie come l’ipertensione, l’insufficienza cardiaca, l’insufficienza renale… L’American Heart Association (AHA) accusa l’industria di diffondere informazioni non supportate da prove scientifiche, e rincara la dose consigliando di abbassare ulteriormente il fabbisogno giornaliero di sodio da 2,3 g a 1,5 g ovvero l’equivalente di 3,75 g di sale. Si tratta di un invito pressante visto che l’americano medio ne consuma circa il triplo (come pure gli italiani).

Ma come ridurre l’apporto di sale? Il blog di Hemi Weingarten autore di Fooducate, fornisce qualche suggerimento che vogliamo condividere.

Ridurre il cibo consumato abitualmente nei fast food (hamburger, patatine…).

Al ristorante chiedere al cuoco di ridurre il sale nelle pietanze.

Leggere con attenzione il contenuto di sodio indicato sulle etichette dei prodotti alimentari, soprattutto quando si tratta di: acciughe, sottaceti, salse, piatti pronti.

Durante la cottura utilizzare erbe e spezie per insaporire il cibo.

Preferire i cibi surgelati rispetto a quelli in scatola che in genere contengono più sale, in ogni caso quando si utilizzano verdure in scatola, evitare di usare il liquido di governo presente all’interno.

Salare il cibo dopo la cottura poco prima di servire a tavola e moderare le quantità

Ridurre il consumo di snack (patatine fritte, cracker…)

Anche le salse pronte e i sughi contengono grandi quantità di sodio

Riducendo gradatamente il consumo di sale bastano poche settimane per abituare il palato ad apprezzare cibi meno saporiti. Si tratta di una strategia valida anche per i cibi zuccherati.

Lascia un Commento