Cellulite ed inestetismi!!!l’alimentazione fa tanto!
Nonostante creme e cremine, massaggi ed improvvisate diete a base di frutta, molte donne lamentano di non riuscire a ridurre gli inestetismi della cellulite.
Molte non sanno che una ridotta circolazione ed un eccessivo ristagno di liquidi causano proprio un’alterazione del pannicolo adiposo con successiva formazione di noduli dolorosi al tatto che acquistano l’intestetico aspetto a buccia d’arancia.
Cattive abitudini, difetti posturali, l’uso di contraccetivi orali, possono incrementare i fastidi legati ad una cattiva circolazione e quindi all’insorgenza della cellulite.
Alcuni fattori comportamentali come l’uso di indumenti stretti, l’abituale consumo di superalcolici, uno stile di vita sedentaria e una dieta povera di fibre, di acqua e ricca di zuccheri, possono incidere considerevolmente sull’inestetismo.
Trattamenti dietetici: l’alimentazione influisce considerevolmente sull’incremento dei depisiti lipidici e del ristagno di liquidi.
Quando si ha un accumulo di liquidi, almeno inizialmente, bisognerebbe privilegiare il consumo di proteine in quanto favoriscono la diuresi.
Tra i cibi proteici, puntare al consumo di pesce che è meno ricco in sale e più leggero, contenente acidi grassi omega 3 e buone quantità di iodio, microelemento che contrasta il ristagno dei liquidi.
Infatti, la corretta alimentazione è l’arma segreta per ridurre l’inestetismo della cellulite. Eliminare tutto ciò che è in scatola, conservato, preconfezionato, soprattutto se ricco di sale, esaltatori di sapidità, glutammato.
Tenere sotto controllo l’indice glicemico (I.G.) e nel caso si presentassero sbalzi di umore o crisi da zucchero, sarebbe necessario mangiare ogni tre ore per non fare il pieno di carboidrati solo quando ci si sente in emergenza.
Ridurre il consumo di carne rossa ed insaccati, prediligere le carni bianchi e i legumi.
Se poi si vuole pure drenare, è possibile ricorrere ad alcuni semplici rimedi naturali:

Frutti di bosco favoriscono il senso di sazietà e avendo un basso indice glicemico, rallentano la produzione di insulina che trasforma gli zuccheri in riserve di grassi;
Asparagi contrastano la ritenzione idrica, se assunti nei giorni antecedenti al ciclo mestruale contrastano i gonfiori e l’aumento della cellulite;
40 calorie in 100 gr di ananas e betulla stimolano la diuresi ed eliminano l’acqua accumulata nelle zone critiche.
Diversi nutrizionisti, consigliano, prima di iniziare un qualsiasi piano dietetico, di effettuare una giornata disintossicante di circa 1000 Kcal a base di frutta e verdura consumando almeno 1,5 – 2 l di acqua oligominerale preferibilmente non gassata, così da garantire un ‘pieno’ di sali minerali e vitamine che fanno funzionare al meglio fegato e reni addetti alla depurazione dei tessuti.

Lascia un Commento